Archivi Categorie: tributario

Le novità del 730 precompilato. Più responsabilità per Caf e commercialisti

Aumenta la responsabilità di Caf e commercialisti con l’arrivo dal 2015 del 730 precompilato.

Infatti, con l’introduzione del nuovo modello 730 compilato con i dati dell’Agenzia delle Entrate se il contribuente vuole integrare o modificare la dichiarazione precompilata dall’Agenzia delle Entrate, chi presta l’assistenza fiscale diventa responsabile anche dei nuovi dati indicati nella denuncia dei redditi. infatti, a prescindere dal fatto che il modello venga accettato incondizionatamente dal contribuente, così come compilato dall’Agenzia o che il 730 precompilato venga modificato o ingrato, il CAF o professionisti abilitati sono tenuti ad apporre il cd. visto di conformità modello 730. Leggi il resto dell’articolo

Annunci

CASS. 21.03.2012 N. 4507 – SI CONSOLIDA IL PRINCIPIO DEL DOPPIO REGIME APPLICABILE ALL’IMPOSTA DI BOLLO PER I VEICOLI IN LEASING.

In riferimento alla controversa questione afferente l’ individuazione del soggetto passivo su cui grava l’imposta di bollo in tema di veicoli in leasing, si consolida a seguito della recente pronuncia  della Corte di cassazione 21/03/2012 n. 4507 l’orientamento secondo il quale deve riconoscersi un doppio regime applicabile sull’imposta di bollo e precisamente: Leggi il resto dell’articolo

NON VA APPLICATA L’IVA SULLA TASSA RIFIUTI. VIA LIBERA PER RICHIEDERE IL RIMBORSO ATTRAVERSO L’ASSOCIAZIONE PROFESSIONISTI PER IL CITTADINO.

Non va applicata l’Iva sulla “Tassa Rifuti”: la Cassazione con sentenza 09.03.2012 n. 3756 lo chiarisce una volta per tutte. Si può pertanto procedere alla richiesta di rimborso dell’IVA illegittimamente versata.

La TIA ( acronimo di tariffa di igiene ambientale ) al pari della Tarsu sono vere e proprie tasse e costituendo una entrata Tributaria e non un corrispettivo reso per un servizio, non deve pertanto applicarsi l’Iva. Leggi il resto dell’articolo

CASSAZIONE – BENEFICI PRIMA CASA NON AMMESSI SENZA LA RESIDENZA NEL COMUNE IN CUI E’ UBICATO L’IMMOBILE

“i benefici fiscali per l’acquisto della prima casa spettano unicamente a chi possa dimostrare, in base alle risultanze anagrafiche, di risiedere o di lavorare nel comune dove ha acquistato l’immobile”

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione nella sentenza 02.02.2012 n. 1530.

Per ogni chiarimento in merito è possibile contattare L’Associazione Professionisti per il Cittadino.

Avv. Francesco Di Pretoro

CASSAZIONE – CARTELLA DI PAGAMENTO NON PRECEDUTA DA ATTO PRESUPPOSTO. IN SEDE DI IMPUGNAZIONE SI PUO’ CITARE INDIFFERENTEMENTE LA GERIT O L’AGENZIA DELLE ENTRATE

“L’omessa notifica dell’atto presupposto costituisce vizio procedurale che comporta la nullità dell’atto successivo. L’azione del contribuente diretta a far valere la detta nullità può essere svolta indifferentemente nei confronti dell’ente creditore, ovvero del concessionario alla riscossione, non sussistendo tra loro litisconsorzio necessario”.

L’importante principio è stato espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 2 febbraio 2012 n. 1532, richiamando ed avallando integralmente il precedente orientamento della Cass. SS.UU. 16412/2007.

Per ogni chiarimento in merito è possibile contattare L’Associazione professionisti per il Cittadino.

Avv. Francesco Di Pretoro